APSL - Ente di Promozione Sociale
Editoriali
Luci in soffitta

Troppi fogli e luci spente

Niente festa di Natale quest’anno. “Troppi fogli da compilare” mi è stato detto.

In televisione si susseguono i film natalizi con tanta neve, luci colorate, caldarroste vendute per strada e intere famiglie che si aiutano ad assemblare le più innovative, luccicanti e belle decorazioni natalizie intorno alle case e in tutto il paese.
Da noi no. Quest’anno non succederà in molti, moltissimi borghi e frazioni d’Italia, i più piccoli borghi, quelli in cui sono rimaste a vivere solo un paio di famiglie a condurre un’umile vita ed un piccolo gregge, aspettando le feste ed i giorni in cui tornano le altre 6 o 7 famiglie, ormai da anni migrate in città, per festeggiare in piazza o sul sacrato della chiesa addobbato con le luminarie natalizie e con gli alpini che distribuiscono vin brulè… A seguito del drammatico episodio torinese dello scorso giugno, con la circolare 7.6.2017, il Ministero dell’Interno ha qualificato le necessarie condizioni di Safety (dispositivi e misure strutturali) e di Security (servizi di ordine e sicurezza pubblica) da accertare nell’organizzazione di un evento in uno spazio pubblico e le iniziative da adottare secondo i modelli di “prevenzione collaborativa”. Il modello delineato presuppone lo scrupoloso riscontro delle garanzie di Safety e Security sopra descritte. Le manifestazioni che non garantiranno un adeguato livello di sicurezza non saranno autorizzate, indipendentemente se si tratta di una piazza di 2000 persone o di venti.

  christmas-card-albero bianco

Redazione